Mar 9, 2016 - Wicca    No Comments

L’Imperatrice

ar03

 

L’Imperatrice

I semi pazientemente curati dalla papessa, adesso sono sbocciati. I progetti sono in atto.
La crescita è nell’aria.
Se la papessa era intesa come verginità, l’Imperatrice è la Donna che si rende conto del suo potere e della sua forza generatrice.
Circondata da fiori e spighe di grano, coronata di stelle, indica che il potere della crescita è entrato dentro di noi.

Mar 3, 2016 - Wicca    No Comments

La Papessa

thehighpriestess-342x600

 

Una volta che il risvegliato ha intrapreso il suo percorso fa esperienza della dualità dell’universo circostante.
La Sacerdotessa è proprio l’INTUIZIONE di una realtà altra da quella che viviamo nel materiale.
E’ la verginità, intesa come quei semi che piantiamo dentro di noi in attesa che sboccino.
E’ legata alla femminilità, alla fertilità non ancora in atto.
E’ la detentrice di una legge cosmica ancora tutta da scoprire.

 

 

Mar 1, 2016 - Wicca    No Comments

Il Bagatto

bagatto

 

E’ il principio del cammino. Il risvegliato.

Colui che finalmente ha intuito che esiste qualcosa al di là del velo e si accinge ad iniziare il percorso.
Sa che la strada è molto lunga e difficile, ma sa, o meglio, intuisce, di avere tutti gli strumenti che gli serviranno durante il suo viaggio.
Li ha dentro di sè.
Nella lamina sono rappresentati davanti a lui, lì sul tavolo. Il calice, la lama, la bacchetta, il pentacolo. Che altro non sono che i semi che si verranno a sviluppare nel cammino delle carte: coppe, spade, denari e bastoni.
In questo senso, Il Bagatto è sì il principio, ma anche il contenitore esperienziale dell’intero mazzo. E’, in potenza, tutta la conoscenza ottenibile da questo strumento.

Mar 1, 2016 - Wicca    No Comments

“Ciò che di grande vi è nell’uomo è che esso è un ponte, e non un termine. Ciò che si può amare nell’uomo è che egli è un passaggio e un tramonto”

Vedo molta confusione in rete circa l’interpretazione dei Tarocchi. Certo ognuno è libero (per fortuna) di pensare quello che vuole e interpretare a suo piacimento le carte.
Nonostante questo, ho deciso di iniziare a scrivere poche righe su ogni lamina, secondo la mia interpretazione.
Credo che molto spesso, “meno è meglio” e che quindi, senza troppe elucubrazioni mentali, l’importante sia capire l’archetipo che sta dietro alla carta, il messaggio che ci vuole mandare. Poco importa se la carta è a testa in giù o in su (!), poco importa se la estraete con la mano destra o con la sinistra!
Se l’esistenza vuole mandarvi un messaggio lo farà comunque a prescindere dall’arto che intendete utilizzare. Se l’esistenza vuole mandarvi un messaggio, il messaggio arriverà.

Feb 27, 2016 - Pensieri & Deliri    No Comments

Fuoco e Cenere

Sognavo di scrivere. Ho cartelle piene di bozze di quelli che sarebbero potuti diventare romanzi, saggi, guide turistiche, diari alla Bridget Jones. Ho iniziato a scrivere di tutto senza portare a compimento nulla.

Mi manca la disciplina, la perseveranza. Parto a mille, bruciando le mie energie come un fuoco troppo alimentato.

Alla fine non resta nulla.

Feb 27, 2016 - Pensieri & Deliri    2 Comments

“Mi ricordo montagne verdi”

Torno ogni sera a casa dal lavoro tardi, stanca, con la testa in fumo.

E in  giornate come queste mio malgrado, mi rendo conto di non avere voglia, di non avere energie per pensare al mio Spirito, alla meditazione o similia.

La difficoltà più grande che provo in questo periodo è appunto questa: cercare un equilibrio tra quella che sono veramente e ciò che devo essere per pagare l’affitto e le bollette.

E mi ritrovo a sognare vallate verdi e montagne innevate.

 

Feb 23, 2016 - Pensieri & Deliri    No Comments

Ancora un blog?

Avevamo bisogno di un nuovo blog che parli dei pensieri di una ragazza qualunque? Ne sentivamo davvero la mancanza?

Seduta sul divano, circondata dai miei 3 gatti, sorseggiando un infuso allo zenzero, so benissimo che la risposta è NO, un secco e sonoro NO.

Eppoi diciamocelo pure, ne abbiamo piene le scatole. Quando ero ragazzina, scrivere un blog sapeva di figo, di innovativo… ma adesso? In rete ci sono migliaia di pagine scritte meglio di quanto io non sarò mai in grado di fare e personalizzate come nemmeno i migliori web designer.

Eppure, eccomi qui. Sapendo che non c’è assolutamente bisogno di me, alla soglia dei trent’anni, con una sveglia che suonerà tra pochissime ore, eccomi qui, a scrivere.

Perchè scrivere è una necessità che mi porto dentro, forse l’unico modo che sfrutto per farmi conoscere e per esprimere chi sono.

E a questo giro di boa, il giro di boa della mia nuova vita, voglio arrivarci scrivendo. Dei nuovi progetti, dei miei sogni, delle mie speranze. Condividendo. Pensieri, incantesimi, ricette, me stessa.

Perchè la vita è un racconto e siamo noi che ne tiriamo le redini.